Resto al Sud – Avvia la tua impresa a fondo perduto!

Resto al Sud – Avvia la tua impresa a fondo perduto!

17 Novembre 2020 0 di Dott. Ciro Esposito

Resto al Sud è la misura di Invitalia più incentivante per l’avvio di un’attività d’impresa. Resto al Sud infatti, in

Resto al Sud è una misura di Invitalia S.p.a nata per sostenere la creazione di nuove attività d’impresa da parte di Under 46 residenti nelle regioni di:

  • Abruzzo
  • Basilicata
  • Calabria
  • Campania
  • Molise
  • Puglia
  • Sardegna
  • Sicilia

Se vuoi avviare la tua attività d’impresa e realizzare il tuo sogno di diventare imprenditore, continua a leggere!

Resto al Sud prevede un mix di agevolazioni composte da contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero che coprono la totalità del piano di spesa presentato per la realizzazione del progetto d’impresa.

Infatti è fondamentale per l’ottenimento dell’agevolazione la presentazione di un Business Plan, attraverso la piattaforma di Invitalia, che conterrà non soltanto le informazioni e le descrizioni del tuo progetto ma anche l’elenco delle spese finanziabili che compongono il progetto.

I Soggetti destinatari della misura

I soggetti destinatari di Resto al Sud sono giovani con un’età compresa tra i 18 ed i 46 anni che non siano titolari d’impresa in esercizio e che non abbiano ricevuto nei precedenti 3 anni altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità.

Sono ammessi sia soggetti residenti che non residenti nelle regioni ove la misura è presente ed è possibile trasferire la residenza nelle regioni indicate entro 60 giorni dall’ammissione all’agevolazione. La residenza va mantenuta per l’intera durata del finanziamento.

I soggetti proponenti non devono essere occupati con contratto a tempo indeterminato e nel caso di presentazione della domanda Resto al Sud pur avendo un contratto a tempo indeterminato, quest’ultimo va cessato successivamente l’esito positivo della domanda.

I settori e le spese finanziabili

Resto al Sud finanzia tutte le attività d’impresa nei settori della produzione di beni e servizi, artigianato ed industria ad esclusione dell’agricoltura, della pesca e dell’acquacoltura. Sono finanziate anche attività libero professionali per le professioni soggette ad iscrizione ad Albi ed Ordini professionali oltre che Professioni non organizzate in ordini o collegi iscritte alle associazioni riconosciute dalla LEGGE 14 gennaio 2013, n. 4.

Per ciò che concerne le spese finanziabili, è possibile ammettere a finanziamento con Resto al Sud:

  • Spese per l’acquisto di Arredamento;
  • Spese per la realizzazione e manutenzione degli Impianti;
  • Spese per l’acquisto di Attrezzature e Macchinari;
  • Lavori di ristrutturazione (definite opere murarie e che non possono eccedere il 30% del programma di spesa escluso capitale circolante);
  • Acquisto di Software, Siti Web funzionali all’attività e piattaforme;
  • Spese per capitale circolante (non eccedenti il 20% del programma di spesa).
  • Canoni di noleggio

Se vuoi ricevere una consulenza gratuita per Resto al Sud non esitare a contattare! Puoi scriverci una mail a info@intreconsulting.it oppure chiamare al numero 08118086774